NETGEAR presenta il nuovo ripetitore Mesh WiFi 6 EAX12

NETGEAR espande la sua gamma di Ripetitori Mesh WiFi 6 con Mesh Extender AX1600 4-Stream WiFi 6 (EAX12): la soluzione perfetta se si cerca un modo pratico, efficace e immediato per estendere il WiFi domestico, coprendo al meglio gli spazi abitativi, ed evitando connessioni assenti o deboli.

Compatibile con i router più recenti dell’attuale generazione e di quella precedente, di qualsiasi operatore, EAX12 crea una potente e unica rete mesh WiFi 6 che raggiunge ogni angolo della casa. Con l’app Nighthawk, inoltre, la configurazione è ancora più semplice. Basta collegare EAX12, stabilire il collegamento e, premendo un solo pulsante, il WiFi Nighthawk Mesh viene configurato in pochi minuti.

La famiglia Nighthawk Mesh comprende, oltra al nuovo EAX12, i modelli EAX20, EAX80 e EAX15 ognuno con caratteristiche diverse per andare incontro a tutte le esigenze. Tutti i ripetitori AX Mesh creano un’unica e potente rete, il che vuol dire che ci si può muovere da un punto all’altro della casa senza mai perdere il segnale e senza la necessità di dover cambiare la rete. Tutto questo anche grazie anche allo Smart Roaming permette di connettere in modo intelligente i dispositivi mobili alla rete WiFi più performante, mentre ci si muove all’interno dell’abitazione, garantendo così uno streaming video 4K ottimizzato, la navigazione sul Web e molti altri importanti vantaggi.

Gli extender Nighthawk Mesh combinano poi i vantaggi della tecnologia Mesh Tri-Band offrendo copertura e velocità, e favorendo un’altissima capacità di gestione dei molti dispositivi connessi, grazie allo standard WiFi 6 che rappresenta in questo senso sul mercato la tecnologia attualmente più veloce, grazie ad una capacità 4 volte superiore rispetto allo standard WiFi. Permette, inoltre, di connettere anche 40 dispositivi contemporaneamente senza un calo delle performance, favorendo il risparmio del livello di batteria dei device collegati.

EAX15 – MESH RIPETITORE WIFI 6 A 4-STREAM CON PRESA A MURO
Il ripetitore AX1800 dal design elegante che si adatta a tutti gli ambienti. Basta inserirlo nella presa elettrica, scaricare l’app Nighthawk, accenderlo e seguire i passaggi per una rapida configurazione. È dotato di una porta ethernet a cui collegare via cavo SmartTV, decoder, stampante e altro ancora.

EAX20 – MESH RIPETITORE WIFI 6 A 4-STREAM – DESKTOP
Garantisce un’esperienza di connessione domestica eccezionale e l’estensione della copertura WiFi in ogni angolo della casa, con velocità fino a 1,8 Gbps. Ideale per case di dimensioni medio-piccole.

EAX80 – MESH RIPETITORE WIFI 6 A 8-STREAM
Grazie al WiFi a 8 stream, offre una larghezza di banda disponibile maggiore e una congestione del traffico dati più bassa per tutti i dispositivi connessi alla rete WiFi. Per questo motivo rappresenta la soluzione ideale per le case di medie dimensioni.

Con il nuovo EAX12, Netgear continua a rappresentare un importante punto di riferimento per il mercato di settore, offrendo prodotti e servizi premium dalle prestazioni eccellenti: sicuri, affidabili, convenienti e facili da usare. Il nuovo range extender WiFi 6 mesh NETGEAR EAX12 è disponibile presso tutti i rivenditori autorizzati NETGEAR.

Google Wifi costa meno: il prezzo scende a 99,99 euro

Negli ultimi tempi le nostre case sono diventate più movimentate che mai: lavoriamo, seguiamo lezioni e didattica a distanza, ci intratteniamo con film e videogiochi, facciamo addirittura esercizio fisico in salotto. Ma siamo diventati anche molto più esigenti in quanto a rete Wi-Fi, che, quando non funziona, è fonte di incredibile frustrazione.

Per fare in modo che sempre più persone godano della copertura Wi-Fi di cui hanno bisogno, abbiamo ridotto il prezzo di Google Wifi. A partire da oggi, la confezione da 3 unità, che copre abitazioni più grandi di 255 metri quadri, costa 199,99 euro. La confezione singola costa 99,99 euro e offre copertura fino a 85 metri quadri per punto di accesso. È compatibile con Nest Wifi, che dal canto suo include tutti i vantaggi del modello originale e lo migliora grazie a un potente router e un punto di accesso Wi-Fi con l’Assistente Google, il tutto gestibile direttamente dall’app Google Home.

Indipendentemente dalla configurazione che scegliete, abbiamo chiesto al responsabile di prodotto per la connettività di Google Nest, Pushkar Sharma, alcuni consigli per ottenere il massimo dal vostro Wi-Fi di casa.
Assicuratevi che il router sia aggiornato
Se il vostro router ha più di 3 o 4 anni, verificate che supporti i segnali Wi-Fi a 5 GHz. Alcuni router più vecchi supportano solo i segnali a 2,4 GHz e questo può rallentare i dispositivi. Li potremmo paragonare a un’automobile che non è abbastanza veloce per viaggiare su una superstrada. Aggiornate il router con un sistema che abbia almeno lo standard 802.11ac, in modo da poter usare anche le frequenze a 5 GHz, che sono come le autostrade del Wi-Fi (con più corsie e limiti di velocità maggiori).
Proteggete sempre la rete con una password
Installare una “rete aperta” senza password potrebbe anche sembrare comodo, perché non è necessario ricordare una password complicata. Ma se lo fate, chiunque passi vicino a casa vostra potrebbe sfruttare il vostro Wi-Fi per entrare nella vostra rete e compromettere i dispositivi connessi e i dati accedendo alle unità disco o rallentando la stessa rete. Scegliete una password efficace, che potete ricordare facilmente ma che sia difficile da indovinare per chiunque altro.
Create una rete Wi-Fi separata per gli ospiti
Se avete bambini o siete soliti ricevere ospiti, è probabile che abbiate condiviso la password molte volte. Configurando una rete “ospite” potete creare una seconda rete Wi-Fi in casa a disposizione esclusivamente di chi viene a trovarvi, mentre i vostri dispositivi resteranno privati e al sicuro.
Assegnate la larghezza di banda in base a dove ne avete bisogno
Abbiamo assistito a un notevole aumento di persone che vanno online per lavorare, studiare, fare acquisti o giocare. Questo significa che le reti dei provider di servizi Internet sono sempre più congestionate, provocando rallentamenti generali della rete e buffering nelle videochiamate. Il problema può peggiorare ulteriormente se molti dispositivi e servizi richiedono larghezza di banda nello stesso momento.

Molti router moderni oggi consentono di verificare quanta larghezza di banda viene utilizzata dai vari dispositivi e servizi, identificando quelli che richiedono più risorse. In Google Nest vi diamo anche la possibilità di assegnare la priorità a un determinato dispositivo e persino di ottimizzare automaticamente delle attività specifiche, come le videoconferenze o i videogiochi, per aiutarvi a ottenere la migliore esperienza possibile minimizzando gli eventuali problemi della rete. Google Wifi è disponibile a partire da oggi su Google Store e online sui siti di Mediaworld e Unieuro.

Recensione Netgear Orbi RBK20

Casa grande e tanti dispositivi connessi ad una sola rete wifi. La potenza del segnale diventa debole e per finire, la smart tv del salotto, si trova lontana dal router e la riproduzione del film che tanto volevamo vedere, incomincia a non essere più fluida. Come risolvere il problema? Da un pò di tempo esistono dispositivi capaci di creare delle reti mesh estendendo così la copertura del segnale. Ma quale scegliere? Io ho provato Orbi RBK20 di Netgear e dopo un mese di test continuo, vi spiego perchè ne sono rimasto molto contento.

La confezione prevede due dispositivi Orbi, uno è il router l’altro è il satellite. Belli esteticamente, anche se non hanno l’aria di hi-tech ma più di design ed è una nota positiva perchè riescono ad integrarsi con piacere in qualsiasi ambiente. Qualche cenno sulle loro caratteristiche è doveroso prima di passare al loro funzionamento. Netgear Orbi utilizza la tecnologia Tri-Band. Cosa significa: due bande a 2,4 e 5 GHz sono utilizzate per trasmettere i dati sui dispositivi, mentre la terza banda, viene utilizzata esclusivamente per la comunicazione dei vari Orbi senza disturbare il segnale del nostro router. Per chi utilizzerà il dispositivo dalla propria rete wifi, non ci sarà nessun modifica. Si vedrà sempre e solo la rete di casa, sarà poi il dispositivo a collegarsi in automatico alla base o al satellite più vicino, dal quale “vede” il segnale migliore. La copertura prevista per questo sistema mash è di 250 m2 – ed è possibile collegare fino ad altri tre satelliti.

Il router dispone di due porte ethernet di cui una viene utilizzata per il collegamento al router del vostro gestore e un pulsante per la sincronizzazione in WPS che troveremo anche sull’Orbi satellite. Per quest’ultimo invece, le porte ethernet a disposizione, ne sono due. Entrmbi gli Orbi dispongono di led circolari sulla base: il loro colore definisce lo stato di funzionamento. Quando lampeggiano sono in fase di sincronizzazione, di colore blu quando sono opertivi, magenta quando la connessione è fallita, colore che non ho mai visto utilizzandoli ogni giorno.

Perfetta l’app Obi che permette di gestire e configurare il sistema mesh in pochi minuti con una dashboard completa e molto intuitiva. Si potrà disabilitare il wifi dai dispositivi connessi, monitorare il traffico interno, vedere la lista dei dispositivi connessi (max 15), configurare il Parental Control con Circle con Disney ed effettuare lo speed test. Inolte è  possibile configurare i comandi vocali Amazon Alexa e Assistente Google per la rete utilizzando la funzionalità di gestione remota. In questo modo sarà possibile chiedere di accendere/spegnere la rete, farsi dettare la password del WiFi e testare la velocità della rete.

Una delle caratteristiche che ho apprezzato tantissimo è la possibilità di poter bilanciare la rete in base ai dispositivi che sono in rete. Diciamo che, in automatico Orbi distribuisce la rete in modo ottimale su qualsiasi dispositivo, ma è anche possibile poter scegliere quale di questi ha la priorità settandola su più livelli in modo tale da avere sempre una massima copertura sulla consolle che state utilizzando invece dello smartphone che rimane acceso ma senza scaricare nessun dato. Tutto questo direttamente dal sito di Netger.

Il funzionamento? Ottimo. Un sistema mash che mi ha permesso di gestire in modo ottimale la mia rete. Sempre potente il segnale del satellite (che dispone di 4 antenne) posto comunque lontano dal router. Per metterlo alla prova ho utilizzato il mio smartphone nel luogo dove la mia rete classica ha sempre mostrato debolezza del segnale ed effettuando uno speed test dalla rete, ho ottenuto questi risultati. Da prendere in considerazione che, lo speed test,  non sarei mai riuscito a farlo senza Orbi! Difetti? Nessuno a parte una certa lentezza nel dialogare tra router e satellite all’accensione, ma poi, tutto fila liscio. Netgear Orbi RBK20 è in vendita su Amazon al prezzo di 239,90 euro.

Arriva in Italia la Fiat Panda Connected by Wind

Dopo l’esordio al recente salone di Ginevra, arriva negli showroom italiani la nuova serie speciale Panda Connected by Wind, l’unica vettura del segmento delle piccole cittadine con ben 50 Giga al mese inclusi per un anno, frutto della partnership tra il marchio Fiat e Wind, uno dei brand di Wind Tre, azienda ai vertici del mercato mobile in Italia e tra i principali operatori alternativi nel fisso. E in occasione del suo 120esimo anniversario, il marchio Fiat in cooperazione con Wind, da 20 anni vicino alle esigenze delle famiglie, offre ai clienti della nuova serie speciale la possibilità di essere sempre connessi alla rete di Wind Tre, anche in mobilità, grazie al “WINDPACK” che include il router wi-fi e la SIM dati Wind con 50 GB di traffico mensile per un anno.

Per l’anteprima nazionale di questa novità, Fiat ha scelto il Mirafiori Motor Village di Torino dove il poliedrico artista Fabio Rovazzi ha presentato la nuova serie speciale, con la consueta ironia, e ha raccontato alcuni divertenti aneddoti sulle ultime campagne di comunicazione che lo hanno visto sempre più legato al modello Panda. All’evento Luca Napolitano, Head of EMEA Fiat and Abarth brand che ha dichiarato: «La nuova Panda Connected by Wind celebra il 120esimo compleanno di Fiat, un traguardo che solo pochissime case automobilistiche nel mondo possono annoverare, e conferma i tratti fondamentali della nostra tradizione, ovvero offrire a tutti soluzioni tecnologiche innovative che sappiano soddisfare le esigenze moderne della mobilità quotidiana: la Panda Connected by Wind infatti è l’unica vettura del segmento delle piccole cittadine con ben 50 Giga al mese inclusi. Una connettività in perfetto stile Fiat: semplice, intuitiva e generosa».

La serie speciale Panda Connected by Wind è dotata del router Wi-Fi “Linkzone 4G”, che permette di collegare contemporaneamente fino a 15 dispositivi, alla massima velocità disponibile – una peculiarità tecnologica che esalta ulteriormente l’attitudine “community builder” di Panda. Il router wi-fi mobile rende la Panda Connected by Wind un perfetto hot-spot, senza bisogno di installare alcun software o driver. Una volta attivato, crea una rete senza fili che consente a qualsiasi dispositivo compatibile con la tecnologia Wi-Fi di navigare su Internet, scaricare file e musica, condividere foto e documenti e gestire messaggi di posta elettronica. Inoltre l’hot spot permette di utilizzare l’app Uconnect con tutte le sue funzionalità a partire dalla navigazione Waze integrata, streaming musicale e internet radio, sfruttando il traffico dati dell’offerta dedicata alla Panda connected by Wind.

Inoltre, è possibile portare il router wi-fi con sé una volta scesi dalla propria vettura, assicurando così una connettività ovunque ci si trovi: al mare, in montagna o in palestra sarà possibile navigare su internet, guardare i film e ascoltare la propria playlist preferita. Il device è dotato di batteria integrata, e può essere ricaricato anche tramite l’apposito cradle fissato nella presa da 12V della vettura. Tra l’altro, in perfetta sintonia con il concetto di libertà insita nella Fiat Panda, sarà possibile navigare in roaming all’interno dell’Unione europea. La nuova Panda Connected by Wind prosegue quindi il percorso della tecnologia intuitiva avviato lo scorso anno con la Panda Waze, la city-car più social di sempre e la prima del segmento a proporre l’integrazione della famosa app di navigazione Waze nell’app “Panda Uconnect”.

Contraddistingue la nuova serie speciale il badge specifico con il numero celebrativo “120” e la scritta “Connected by Wind”, oltre al trattamento nero lucido per lo skid plate, le maniglie delle porte e i cerchi bicolore da 15″. E per evidenziarne l’unicità, l’esemplare esposto al salone “ha vestito” una livrea bianca abbinata a due optional esclusivi: il tetto nero e le calotte degli specchi arancioni, i colori che caratterizzano il brand Wind.
Impronta giovane e fresca all’interno – grazie al tessuto nero dei sedili, impreziosito dalle cuciture bianche e verdi a contrasto – dotata di Radio U-Connect Mobile con comandi al volante e dell’apposito supporto dove alloggiare il proprio smartphone per essere sempre connessi, ora più che mai.