Celebriamo il rosso Mazda

Il rosso non è un colore ordinario. Dal punto di vista scientifico, potrebbe non essere altro che la luce con una lunghezza d’onda di 600-780 nm riflessa da una superficie. Ma praticamente da quando l’umanità ha avuto inizio, questa tonalità ha catturato l’immaginazione degli uomini come nessun altro colore. Quando i nostri antenati preistorici mescolarono per la prima volta la pietra ocra macinata con acqua per ottenere una pasta rossastra, nacque uno dei primi colori creati dall’uomo. Da allora, il rosso ha assunto molti significati attraverso le culture, dall’amore ardente e la rabbia furiosa, al potere reale, la prosperità e la felicità. Il tema comune? In tutto il mondo e nei secoli, il rosso è associato a potenti emozioni. Nel profondo del nostro subconscio, ci fa pensare alla sensualità, alla passione…e sì, anche ad un pizzico di pericolo.

Non c’è da stupirsi, quindi, che nel mondo automobilistico il colore rosso si sia storicamente prestato al segmento delle auto sportive foriere di emozioni e brividi. Le auto rosse sono viste come più veloci e sportive, i piloti audaci e non convenzionali. Al contrario, nel segmento più sobrio delle auto di medie dimensioni e dei SUV, l’audacia dell’emozione espressa da un’auto rossa rappresenta più che altro un’eccezione: prevalgono i colori neutri come il bianco, il nero e il grigio. Nel 2020, solo il 6,7% di tutte le auto di nuova immatricolazione sono state rosse. Non così in Mazda: qui, quel numero è del 27,2%, più elevato di qualsiasi altro marchio automobilistico. Si può dire che Mazda, e i fan del Marchio, hanno sempre avuto un legame speciale con il colore rosso. Del resto, la passione e il legame emotivo tra auto e conducente sono al centro del DNA della Casa giapponese.

Quando Mazda fece la sua prima incursione nel segmento delle autovetture con la Mazda R360 Coupé, il “Rosso Mazda” era già una delle opzioni disponibili per i clienti. Nel corso degli anni, il rosso si è gradualmente affermato come il colore di spicco per il produttore giapponese. Negli anni, molte sono state le iterazioni dell’iconico colore: dall’arancione “Sunrise Red” della RX-7 al profondo “Burgundy Ice Metallic” delle popolari serie 323 e 626 fino all’audace e luminoso “Classic Red” introdotto con la leggendaria Mazda MX-5. Nel complesso, oltre 100 sfumature di rosso hanno contribuito a esprimere la determinazione e la passione nel cuore di Mazda e di tutte le sue auto. Un messaggio che ha avuto una chiara risonanza presso i fan di Mazda in tutto il mondo.

Un nuovo capitolo di rosso è stato iniziato con l’introduzione del design Kodo nel 2012. Il linguaggio dello stile Kodo mira a catturare la bellezza del movimento in un oggetto immobile attraverso forme fluide e dinamiche. Il team di progettazione ha eliminato tutte le linee di carattere dal profilo laterale dell’auto, realizzando una tela bianca per la luce su cui dipingere. Quando le ombre e la luce del sole danzano sui pannelli della carrozzeria, le sue forme uniche creano motivi in continuo cambiamento che danno l’illusione del movimento, anche se l’auto è ferma. Per dare ancora più vita al design Kodo, i designer Mazda hanno ottenuto un nuovo colore del marchio chiamato “Soul Red”: una tonalità vivida e altamente satura che si adatta perfettamente al nuovo linguaggio di design.

Ma, fedele allo stile Mazda, Keiichi Okamoto e il suo team non erano ancora del tutto soddisfatti. Insieme, sono partiti con l’ambizioso obiettivo di creare il rosso più bello del mondo. Un rosso che apparisse brillante dove la luce lo colpisce e ricco e scuro nell’ombra; un rosso che trasportasse una profondità di colore da sembrare quasi traslucido. “Voglio una profonda tonalità di rosso come il rosso traslucido dei rubini o del cristallo rosso”, ha dichiarato Okamoto e la sua squadra si è messa al lavoro. Il risultato è stato presentato nel 2017 con il lancio del colore del Marchio “Soul Red Crystal”.

Per creare questa splendida e complessa tonalità di rosso, Mazda ha sviluppato un nuovo approccio radicale al processo di verniciatura. Il “Soul Red Crystal” viene applicato in un processo a tre fasi: il primo strato di vernice colorata comprende due diversi tipi di scaglie di alluminio: uno altamente riflettente, l’altro che assorbe la luce. La distribuzione di queste scaglie viene meticolosamente controllata per ottenere la dispersione ideale della luce e dell’oscurità su tutto il corpo dell’auto. Il secondo strato traslucido include un pigmento con un croma elevato che aggiunge profondità di colore senza impedire alla luce di colpire le scaglie di alluminio sottostanti. Un terzo strato superiore trasparente aggiunge ulteriore lucentezza e protegge la vernice della carrozzeria dalle influenze ambientali. Il risultato è un colore vivido e seducente con il 20% di saturazione del colore in più e il 50% di profondità in più rispetto al “Soul Red” originale.

Questo effetto straordinario è stato possibile solo concentrandosi sull’essenza stessa del rosso: non è stato aggiunto alcun pigmento arancione o blu affinché giocasse un ruolo nel creare i riflessi simili al magma e le ombre profonde e scure del colore attuale del marchio. La tonalità è quindi in perfetta armonia con la filosofia stilistica Kodo di Mazda, che mira ad esprimere la bellezza del movimento stesso attraverso disegni semplici ma espressivi ed emozionali. Quale miglior colore per sostenere questa visione se non il rosso, il colore tipico delle emozioni.

Mazda3 Sedan: la nuova berlina di classe

Con l’arrivo della versione 2021 della Mazda3, l’ultima evoluzione della compatta Mazda protagonista nel segmento C, viene introdotta nel mercato italiano la versione berlina dell’accattivante e sportiva due volumi. Sin dal lancio della quarta generazione della Mazda3 nel 2019 è stata forte la curiosità della clientela verso la versione berlina. In considerazione di ciò e alla luce del successo ottenuto anche negli altri mercati europei, Mazda Italia ha deciso di arricchire l’offerta integrando nel listino la carrozzeria berlina.

La Mazda3 Sedan è un’auto con una personalità nettamente distinta e complementare rispetto alla versione 5 porte. Si rivolge a un target diverso per età ed esigenze, un cliente che predilige l’eleganza e il prestigio di una berlina alla compattezza e sportività di una hatchback. La Nuova Mazda3 Sedan fa infatti della sua raffinata bellezza classica il principale elemento di attrattiva. In un unico movimento fluido dal frontale al posteriore, l’andamento delle superfici lisce della Mazda3 Sedan evoca bellezza classica e proporzioni perfette. Le tipiche ali della calandra anteriore della Mazda3, nere sulla 5 porte, sono ora cromate per accentuare la percezione di qualità propria di una berlina di classe. Il risultato nel suo insieme è una espressione di eleganza matura e raffinata.

La diversa conformazione della carrozzeria, oltre a connotare stilisticamente la vettura, consente anche alla Mazda3 Sedan di poter vantare di una eccellente capacità di carico: 450 litri (che diventano 1.138 abbattendo i sedili posteriori) di capienza che la pongono ai vertici della categoria.

Per quanto riguarda il layout degli interni, la Mazda3 Sedan offre lo stesso design semplice e raffinato della 5 porte, con un posto guida che presenta il classico sviluppo simmetrico e orizzontale basato sulla filosofia ”less is more“ di Mazda. A differenziare la berlina è però la disponibilità, sull’allestimento top di gamma, di una esclusiva e sofisticata pelle Pure White come alternativa alla classica pelle Black.

La Mazda3 Sedan è disponibile in tre allestimenti con tre motorizzazioni benzina, tutte ibride:

  • Executive con motore Mazda M Hybrid Skyactiv-G da 122 CV, disponibile con il solo cambio manuale
  • Exceed con motore Mazda M Hybrid Skyactiv-G da 150 CV, disponibile con cambio manuale e automatico
  • Exclusive con motore Mazda M Hybrid Skyactiv-X da 186 CV disponibile con cambio manuale e automatico

Tutti i propulsori sono infatti dotati della tecnologia Mazda M Hybrid per un sensibile abbattimento dei consumi e delle emissioni di CO2. In particolare le versioni con motorizzazione 2.0L Skyactiv-G da 122 CV e 150 CV con cambio manuale a 6 rapporti e 2.0L Skyactiv-X sia con cambio manuale che con cambio automatico hanno un livello di emissioni di CO2 nel ciclo WLTP entro il limite dei 135 g/km; questo permette l’accesso agli incentivi statali di 1.500 Euro in caso di rottamazione, che il Governo italiano ha introdotto con la legge di bilancio 2021, a cui si aggiunge l’Ecobonus Mazda di ulteriori 3.000 Euro.

Mazda3 Sedan è già ordinabile ed è prevista in arrivo nelle concessionarie italiane nel mese di febbraio con un prezzo di listino che va dai 26.800 Euro per la versione 2.0L Skyactiv-G 122 CV Executive fino ai 33.500 Euro della 2.0L Skyactiv-X Exclusive.

Mazda rinnova la city crossover CX-3

Viene rinnovata la city crossover di Mazda con la CX-3 2021. Un’ampia serie di aggiornamenti che integrano le tecnologie e funzionalità Mazda più recenti con uno stile rinnovato che la rendono ancora più raffinata e piacevole da guidare. L’accattivante design esterno presenta ora i nuovi badge con il nome che riprende lo stile degli ultimi modelli, ma è nell’abitacolo e nelle dotazioni di tecnologia e sicurezza che si concentrano grandi sviluppi. Gli interni, infatti, si caratterizzano per i sedili dalla nuova conformazione che segue le specifiche della Skyactiv Architecture della Mazda3 e della CX-30. Progettati facendo riferimento alla naturale capacità di equilibrio dell’uomo quando cammina, i sedili mantengono il bacino in posizione eretta e conservano la naturale curva a S della colonna vertebrale, contribuendo così alla stabilità della testa per elevato comfort e migliore facilità di guida, sia sulle brevi sia sulle lunghe percorrenze. In termini di sicurezza, invece, tutte le versioni sono dotate del sistema di frenata di emergenza in città con riconoscimento anche notturno dei pedoni.

La CX-3 2021 sarà disponibile nelle due versioni Executive ed Exceed. La prima, offerta con un prezzo di listino di 23.150 Euro, si caratterizza già per la sua completezza di dotazioni tra cui spiccano i cerchi in lega da 18”, i vetri posteriori scuri, il sistema infotainment Mazda Connect completo anche di Apple Carplay wireless e Android Auto, sensori luce/pioggia, il climatizzatore automatico e i sensori di parcheggio. La versione Exceed, al prezzo di listino di 25.000 Euro, aggiunge i fari full LED, gli interni rivestiti in pelle/tessuto, la Smart Key, l’Active Driving display che proietta i dati di guida su un pannello sopra la plancia, la videocamera posteriore e le fasce sottoporta cromate.

Non manca la possibilità di arricchire ulteriormente i contenuti della vettura in termini di sicurezza, grazie al pacchetto i-Activsense (completo di Cruise Control Adattivo, Sistema monitoraggio posteriore con avviso pericolo in uscita dal parcheggio, Avviso stanchezza guidatore, Rilevamento segnali stradali TSR, Fari adattivi a matrice di LED e Monitor 360°) e in termini di comfort ed esclusività con il Leather Pack. Quest’ultimo comprende i rivestimenti in pelle, a scelta nera o bianca, i sedili anteriori riscaldabili elettricamente, il sedile di guida dotato di regolazione elettrica con memoria e l’esclusivo impianto audio BOSE con 7 altoparlanti.

Il gruppo motopropulsore prevede la nota unità benzina 2.0L 121 CV abbinata al cambio manuale a 6 rapporti Skyactiv-MT o, in opzione, alla trasmissione automatica Skyactiv-Drive a 6 velocità. Le versioni con cambio manuale beneficiano del sistema Mazda di disattivazione dei cilindri, che spegne due cilindri quando il motore funziona a carico ridotto o a velocità costante, il che porta a ridurre del 14% i consumi di carburante nel ciclo combinato e le emissioni di CO2. La CX-3 2021 è disponibile in 9 colori carrozzeria, che comprendono anche il nuovo Polymetal Gray. Questa tinta fonde la sensazione di solidità del metallo con la lucentezza straordinariamente uniforme della resina per creare una nuova espressione di qualità. Già ordinabile negli showroom Mazda, la city crossover della Casa giapponese sarà disponibile nelle concessionarie italiane a partire da metà novembre.

La Mazda CX-30 eletta Novità dell’Anno 2020

La Mazda CX-30, il crossover di nuova generazione della Casa di Hiroshima, è stata eletta Novità dell’Anno 2020. A ritirare il premio sul palco del Quattroruote Day che si è tenuto oggi a Milano, è stato Roberto Pietrantonio, Amministratore Delegato di Mazda Motor Italia. Con il 14,4% delle preferenze, la Mazda CX-30 è stata scelta dai lettori di Quattroruote che hanno espresso il loro parere attraverso il sito quattroruote.it – seguita sul podio dalla Peugeot 208 e dalla Tesla Model 3, rispettivamente seconda e terza classificata – imponendosi su una ricca rosa di concorrenti in gara per questa edizione. Già vincitrice nel 2018 del Q Global Tech Award per il rivoluzionario motore SKYACTIV-X, è la prima volta che Mazda si aggiudica questo riconoscimento, oltre a essere la prima casa giapponese a riceverlo. Questo premio si inserisce in un anno molto significativo per la Casa di Hiroshima, che celebra nel 2020 il suo centenario, mentre la sua consociata italiana compie venti anni.

Ha consegnato il premio Laura Confalonieri, Vicedirettore di Quattroruote, insieme ad Alessia Ventura, volto noto del programma televisivo DriveUp. “Un importante riconoscimento al percorso che Mazda sta compiendo e di cui la CX-30 è la testimonianza più recente: uno sviluppo coerente nel design e nella tecnologia per offrire ai nostri clienti una scelta raffinata e sofisticata, spesso con soluzioni fuori dal coro. Desidero condividere questo premio con tutta la squadra di Mazda, i colleghi, i concessionari e i riparatori autorizzati in Italia che lavorano con una passione straordinaria, fino a Hiroshima, dove l’auto è stata creata”.

Il premio Novità dell’anno di Quattroruote viene assegnato dal gennaio del 2000, con l’obiettivo di affidare ai propri lettori la responsabilità di designare la novità più significativa tra quelle presentate nei dodici mesi precedenti. Una scelta dettata dalla volontà di premiare un modello apprezzato da un’ampia giuria popolare, affidando alla redazione il solo compito di preselezionare le candidature con l’esclusione di supercar e auto esclusive.

Mazda presenta la CX-30

La Nuova Mazda CX-30 è il secondo dei modelli della gamma di nuova generazione del marchio dopo il lancio della Nuova Mazda3. Il nuovo crossover compatto si propone in un segmento di mercato nuovo per Mazda. Lunga 4.395 mm, larga 1.795 mm, alta 1.540 mm e con un passo di 2.655 mm, la Nuova Mazda CX-30 si posiziona tra la city crossover CX-3 e la CX-5, il SUV di casa Mazda presentato nel 2012, e soddisfa le esigenze dei clienti che vogliono unire dimensioni compatte e funzionali in città della prima con lo spazio e la praticità dell’altra. L’inedita Mazda CX-30 esprime i più recenti sviluppi del rivoluzionario linguaggio stilistico Kodo del marchio. Pur conservando tutta la vitalità del concetto originale “Soul of Motion” del design Kodo, questa più matura interpretazione punta ora a esprimere maggiore prestigio attraverso la raffinatezza e il rigore di un’estetica minimalista “less-is-more” ispirata alla più pura tradizione artistica giapponese e alla bellezza dello spazio tra gli oggetti.

Il design degli interni che pone l’uomo al centro combina uno spazio per i passeggeri pulito, arioso e aperto e una zona cockpit comoda e focalizzata sul conducente. Cockpit e abitacolo combinano l’obiettivo di eccellenza ergonomica con la tecnologia ’d’avanguardia nella progettazione di ogni elemento, dal campo visivo e dalla posizione di guida all’interfaccia uomo-macchina (HMI) e alla qualità dell’impianto audio. Tecnologie di nuovo sviluppo come i sistemi audio Mazda a 8 altoparlanti o quello premium BOSE a 12 altoparlanti sono stati accuratamente integrati con materiali lussuosi e dal perfetto montaggio e finitura per creare un ambiente interno di alta qualità e genuina raffinatezza.

Il nuovo crossover compatto presenta l’’architettura Mazda di nuova generazione Skyactiv-Vehicle Architecture, che non solo sfrutta l’innata capacità di equilibrio dell’uomo per offrire un maggiore comfort a bordo, ma riduce e controlla anche i disturbi NVH per creare nell’abitacolo una “qualità della silenziosità” veramente unica.

In combinazione con tecnologie intelligenti come l’evoluto sistema a 4 ruote motrici (AWD) i-Activ, che lavora in sintonia con il sistema G-Vectoring Control (GVC) per gestire la distribuzione della coppia tra le ruote anteriori e posteriori, questo favorisce una esperienza di guida Jinba Ittai ancora più coinvolgente. La gamma dei powertrain presenta i più recenti motori Skyactiv benzina e diesel, compresa la rivoluzionaria tecnologia di combustione ad accensione per compressione controllata da candela (SPCCI – Spark Controlled Compression Ignition) sviluppata da Mazda, che combina la vivacità di rotazione di un benzina con la risposta superiore di un diesel. Infine, la nuova Mazda CX-30 ha una serie completa di caratteristiche di sicurezza attiva i-Activsense che ora comprende un nuovo sistema di monitoraggio del conducente (Driver Monitoring), il che dota questo crossover compatto di una capacità ancor più evoluta di garantire a tutti gli occupanti viaggi sicuri, protetti e piacevoli.

La nuova Mazda CX-30 è il secondo modello di serie che adotta la più recente evoluzione del linguaggio stilistico Kodo – design artistico che è profondamente legato alla tradizionale estetica giapponese. L’affinamento di ciascun elemento secondo il principio “less is more” ha creato superfici straordinariamente pulite e belle e ha portato nel segmento dei SUV crossover compatti una silhouette del tutto originale.
La concept Mazda Vision Coupe presentata nel 2017 racchiudeva questo linguaggio stilistico più sofisticato attraverso un design minimalista accuratamente affinato: la raccolta ed elegante forma della sua carrozzeria genera un delicato gioco di luci e di riflessi che cambiano nel corso del tempo per creare una linea dall’aspetto naturale e dinamico.

Condividendo lo stesso concetto, la Mazda CX-30 è stata sviluppata per creare un design completamente nuovo per un crossover compatto. Adeguato al concetto di “filante e coraggioso”, lo stile esterno esprime una eleganza fluente e agile e la robustezza di un SUV. Alla base dell’elegante carrozzeria che ha la snellezza di un coupé, il rivestimento nero della parte inferiore crea una sensazione di stabilità, robustezza e potenza adeguata per un SUV. A bordo i raffinati interni combinano un comodo cockpit fortemente orientato a chi guida con uno spazioso abitacolo dall’atmosfera ariosa, consentendo così a tutti gli occupanti di godere di una sensazione di connessione in un ambiente rilassato e confortevole. Una minuziosa attenzione è stata rivolta a ogni dettaglio, dalla scelta dei materiali alle migliori finiture, per creare uno spazio interno veramente raffinato e di qualità superiore.

La linea segue il nuovo linguaggio stilistico “Charge and Release”. Questo linguaggio deriva dalla pennellata utilizzata nella calligrafia giapponese ed è stato sviluppato per integrare i tre fattori chiave del design Kodo evoluto: Yohaku, la bellezza dello spazio vuoto, Sori, curve risolute e equilibrate, e Utsuroi, il gioco di luce e ombra. In particolare, Sori si realizza chiaramente nell’arco di cintura che corre dal parafango anteriore alla ruota posteriore, dando un senso di velocità e vitalità. Utsuroi si può vedere nelle superfici della carrozzeria sotto la linea di cintura, che riflettono ciò che circonda in una forma a S che cambia con il movimento della vettura. Queste espressioni della forma del corpo vettura si riuniscono, infine, in un solo movimento ondulatorio nella parte posteriore dove si disperdono. Rinunciando alle linee di carattere a favore del movimento delle superfici, la Mazda CX-30 ottiene uno stile che ha sia la bellezza di un’opera d’arte che un forte senso di dinamismo.

Il design dell’abitacolo della Mazda CX-30 è basato sulla filosofia progettuale Mazda che pone l’uomo al centro, e sull’architettura giapponese tradizionale con il suo uso del Ma, cioè dello spazio vuoto. La configurazione di base unisce il posto di guida comodo e raccolto con uno spazio arioso e ordinato attorno al passeggero anteriore. Il cockpit è simmetrico e spiccatamente incentrato sul conducente, con tutti e tre gli strumenti nel quadro e il display centrale correttamente angolati verso il posto di guida, per renderne facile l’utilizzo con la minima distrazione possibile.

La zona superiore della plancia presenta una seconda palpebra a forma di ala. Si sviluppa in orizzontale lungo la parte superiore della plancia sino al rivestimento della porta lato passeggero e è rifinita con cuciture di alta qualità e accenti metallici, che conferiscono al cockpit una percezione di maggiore ampiezza. L’ampio tunnel centrale raggruppa davanti leva del cambio, portabicchieri e manopola del Commander creando una “zona comandi” vicina al conducente per un utilizzo comodo e ergonomico, mentre bracciolo e appoggio per le ginocchia leggermente incurvati creano di contro una atmosfera accogliente.

Active Driving Display (proiezione delle informazioni di guida sul parabrezza), strumenti e display centrale sono stati tutti ridisegnati per presentare i dati in un modo più semplice e chiaro, mentre i caratteri della grafica sono stati unificati per ottenere un aspetto piacevole e consistente. La Mazda CX-30 adotta un ampio schermo centrale da 8.8 pollici. Semplificato nel funzionamento, che richiede solo l’utilizzo della manopola del commander, dispone anche di un nuovo e intuitivo sistema di indirizzo che ne rende più facile l’impiego.
L’applicazione delle ricerche sul corpo umano da parte di Mazda si è estesa al campo dell’ingegneria Kansei, con la raffinata realizzazione di comandi in grado di offrire la stessa sensazione sia che vengano premuti, tirati, spinti o ruotati, dando al conducente una soddisfazione avvertibile anche nell’azionamento fisico dei comandi e controlli.

Il massimo in fatto di ”Jinba Ittai” – la sensazione che il veicolo sia una estensione del corpo del conducente, che lo controlla con precisione senza doverci pensare – rimane l’obiettivo di sviluppo di ogni nuovo modello Mazda. E la nuova Mazda CX-30 evolve il concetto di Jinba Ittai per offrire una guida ancora più piacevole e più facile. Per ottenerlo, Mazda ha introdotto la piattaforma Skyactiv-Vehicle Architecture, una tecnologia strutturale antropocentrica di nuova generazione che sfrutta l’intrinseca capacità d’equilibrio dell’uomo, offrendogli sia un maggiore comfort a bordo che un’esperienza di guida più coinvolgente. La gamma dei motori Skyactiv combina prestazioni entusiasmanti con maggiore risparmio di carburante e rispetto dell’ambiente, mentre la gestione perfettamente coordinata del sistema di trazione i-Activ AWD e del sistema di controllo G-Vectoring (GVC) o G-Vectoring Plus (GVC Plus) offre un comportamento su strada ancora più piacevole, più confortevole e che ispira fiducia. Inoltre, la silenziosità in abitacolo è di qualità ancora maggiore grazie ai notevoli sviluppi nelle prestazioni NVH basati su studi approfonditi delle caratteristiche sensoriali umane.

La gamma motori della Mazda CX-30 combina prestazioni entusiasmanti con minori consumi e maggiore rispetto dell’ambiente. La gamma propone i più recenti motori Mazda Euro 6d-TEMP, i diesel Skyactiv-D e i benzina Skyactiv-G, compreso il rivoluzionario Skyactiv-X a benzina. Questi puliti ed efficienti motori Skyactiv-G, Skyactiv-D e Skyactiv-X possono essere abbinati al cambio manuale a sei marce Skyactiv-MT o al cambio automatico a sei rapporti Skyactiv-Drive.

L’architettura di nuova generazione Mazda Skyactiv-Vehicle Architecture incorpora le più recenti conoscenze ricavate dalla biologia umana applicandole al design dei sedili. Assicurando così che il bacino dell’occupante sia supportato in modo da mantenere la forma ad S della colonna vertebrale e mettendolo in grado di fare pieno uso delle sue capacità di equilibrio. Il design del sedile supporta la parte superiore del bacino per assicurare che tutto il bacino sia posizionato correttamente. Contestualmente, la forma e la solidità del sedile circondano il baricentro della gabbia toracica- che corrisponde alla sezione superiore della curva ad S della colonna vertebrale, contribuendo a mantenere la colonna vertebrale in questa posizione.

Inoltre, la forma e la rigidità dell’imbottitura forniscono un buon supporto per le ossa della coscia, creando una struttura che permette all’utente di regolare in modo indipendente l’angolo di ciascuna coscia, così da garantire che il sedile possa assumere e adattarsi alle diverse conformazioni fisiche dei singoli. Contemporaneamente abbiamo aumentato la rigidità dei singoli componenti nei sedili e dei punti d’attacco che trasferiscono le forze dalla scocca. Ciò elimina ogni ritardo tra i movimenti della massa sospesa e quelli dei sedili, assicurando che l’energia entrante venga trasferita in modo uniforme al bacino dell’occupante. Inoltre abbiamo anche reso la struttura interna dei sedili più rigida così da garantire che il carico venga trasmesso in modo più diretto dalla massa sospesa al corpo dell’occupante. Questi cambiamenti riducono al minimo il movimento del sedile rispetto alla massa sospesa; il sedile si muove insieme alla massa sospesa senza alcun ritardo e le forze vengono trasmesse senza ostacoli al bacino. Per ulteriori informazioni, visitate mazda.it

Mazda MX-5: fino al 10% di riduzione dei consumi con il sistema i-Eloop

Per l’apertura della stagione delle sportive a cielo aperto, la Mazda MX-5 si evolve ancora e adotta anche per il motore 1.5L da 132 CV la sua tecnologia intelligente i-Eloop associata al dispositivo i-stop per abbattere consumi ed emissioni e aumentare la coppia effettiva trasmessa alle ruote.

i-Eloop è il sistema di elettrificazione leggera esclusivo di Mazda che fa uso di un supercondensatore che consente di accumulare l’energia recuperata in frenata alimentando con essa i sistemi elettrici di bordo. Così facendo, si solleva il motore termico dal produrre elettricità tramite l’alternatore, permettendogli di indirizzare la potenza alle ruote a tutto vantaggio del piacere di guida, con una conseguente riduzione dei consumi. Il supercondensatore si carica completamente in soli 7-10 secondi – un tempo inferiore a un singolo ciclo di decelerazione – grazie a un alternatore a tensione variabile utilizzato per generare corrente al momento del rilascio dell’acceleratore e alla capacità dei condensatori che lo compongono di ricaricarsi in tempi estremamente più veloci rispetto a una batteria. Un ulteriore vantaggio del supercondensatore è la leggerezza, elemento distintivo della MX-5, che permette di non interferire con un progetto che da sempre fa della perfetta distribuzione dei pesi la sua unicità.

Per migliorare ulteriormente il consumo di carburante, il sistema i-Eloop viene accoppiato al dispositivo i-stop, molto più rapido rispetto ai normali sistemi di arresto/avviamento, grazie a uno speciale brevetto che ferma i pistoni al punto morto superiore, permettendo il riavviamento attraverso l’azione della combustione stessa: questo velocizza il funzionamento e riduce le vibrazioni, rendendo l’uso del sistema piacevole e quasi inavvertibile. L’i-Eloop, inoltre, rende il dispositivo i-stop ancora più efficace perché, con la sua riserva di energia accumulata durante le decelerazioni, permette di prolungare le fasi di spegnimento, quindi a consumo zero, rispetto a quello che avverrebbe normalmente con un sistema tradizionale.

Grazie a questi dispositivi finora disponibili sulla MX-5 per il solo motore 2.0L, anche la motorizzazione 1.5L, che già si contraddistingueva per le doti di economia, migliora la propria efficienza nei consumi di ben il 10% sul ciclo urbano (che passa da 8,2 L/100 km a 7,4L/100 km), riducendo al contempo le emissioni di CO2 nel ciclo combinato (da 142 a 138 gr/km), il tutto con minimi aggravi di peso e con un piacere di guida aumentato, grazie al maggior invio di potenza utile alla ruote.

La MX-5 è disponibile negli allestimenti Exceed e Sport con un listino compreso tra 28.550 euro e 32.000 euro per la versione soft top, mentre la versione hard top RF (Retractable Fastback) prevede un sovrapprezzo di 2.500 euro.

Al vertice della gamma troviamo l’esclusiva versione 30th Anniversary creata per festeggiare i 30 anni dalla nascita dell’iconica spider della Casa giapponese. Caratterizzata da un’inedita livrea Racing Orange, unita ad altri particolari dello stesso colore, quali le pinze freno Brembo e le cuciture interne e da altre dotazioni esclusive come i cerchi in lega forgiati Rays, la MX-5 30th Anniversary è disponibile in soli 3.000 esemplari per tutto il mondo, di cui 90 destinati al mercato italiano.