La nuova Abarth Pulse in pista nella F4 brasiliana come Safety Car ufficiale

Torna in pista, dopo più di un mese dal suo esordio, la F4 Brazilian Championship Powered by Abarth Certified by FIA e lo fa con un doppio appuntamento sul circuito più iconico del Brasile: Interlagos. Sul tracciato di San Paolo più volte è stato assegnato il titolo di Formula 1 e i giovani piloti della Formula 4 brasiliana saranno impegnati per un doppio round in due settimane dopo aver disputato diversi test a seguito dell’esordio stagionale a Velocitta. La novità più importante della serie verdeoro sarà, però, davanti alla pole position con la nuova Abarth Pulse, il suv di casa Abarth, che a partire dal secondo appuntamento stagionale diventa la safety car ufficiale della serie.

Sviluppato per il mercato brasiliano e atteso sulle strade in questo semestre, l’Abarth Pulse è il primo suv dello Scorpione che presenta diverse parti totalmente nuove sviluppate per ottenere le migliori prestazioni. Dettagli che consentono all’Abarth Pulse di raggiungere i 100 km/h in meno di 8 secondi e raggiungere una velocità massima di oltre 210 km/h. Alle spalle dell’Abarth Pulse sarà grande battaglia per raggiungere Pedro Clerot (BRA – Full Time Sports) che ha conquistato due vittorie nel primo appuntamento balzando subito al comando della classifica seguito dal suo compagno di squadra Ricardo Gracia (BRA – Full Time Sports) e da Nicholas Monteiro (BRA – TMG Racing). Sul circuito di Interlagos saranno 16 i piloti impegnati nel secondo round divisi nei quattro team che affrontano la prima stagione della F4 Brazilian Championship Powered by Abarth. Il programma prevede due sessioni di prove libere venerdì 29 luglio alle 8.35 e alle 10.40 oltre alle qualifiche che scatteranno alle 15.40. Due gare sabato 30 luglio alle 9.38 e alle 14.33 prima del gran finale di domenica 31 luglio con la terza e ultima gara che prenderà il via alle 11.33 in diretta, come le altre due gare, sui canali social e YouTube della serie brasiliana.

Dopo la breve pausa estiva tornerà in pista, nel fine settimana, anche la F4 British Championship sul circuito scozzese di Knockhill. Dopo i primi 5 appuntamenti Alex Dunne (IRL – Hitech GP) è sempre al comando della classifica con Oliver Gray (GBR – Carlin) che, però, ha ridotto il suo svantaggio prima della sosta a soli 51 punti. Anche nella F4 British Championship Certified by FIA saranno 16 le Tatuus F4 T421, motorizzate con il propulsore Abarth T-Jet 1.4 da 180 Cv, a scendere in pista sui 2.046 metri del tracciato situato a pochi chilometri da Edimburgo. Dopo due sessioni di libere nella giornata di venerdì i giovani campioni della serie britannica affronteranno sabato alle 11.15 le qualifiche, seguite da gara 1 alle 16.15. Domenica 31 luglio il via delle due gare che chiuderanno il sesto round stagionale alle 10.20 e alle 15.45.

Abarth coinvolge la Community per creare insieme la livrea del futuro

La Community Abarth ha risposto ancora una volta con grande entusiasmo alla chiamata fatta dallo Scorpione, partecipando attivamente al primo sondaggio online che, con quasi 120mila voti, ha giudicato il nuovo sound AVAS per le Abarth del futuro. Un successo strepitoso che dimostra l’interesse degli appassionati per il nuovo percorso intrapreso dallo storico marchio.

A conferma del grande legame tra il brand e i suoi fan, si inaugura oggi – sulle pagine ufficiali di Facebook, Instagram e TikTok – il secondo capitolo di “Abarth Performance Creators”, il tool online che permetterà agli appassionati di esprimere la propria preferenza sul colore di lancio delle nuove Abarth. A contendersi il titolo due nuove ed esclusive livree pastello, in pieno stile “urban race”, create appositamente dagli esperti del Centro Stile Abarth per accompagnare l’evoluzione del marchio secondo i valori di Stile metropolitano e Performance sostenibile. Entrambi i colori riflettono l’energia, le prestazioni e la personalità del marchio e dei suoi Abarthisti, che potranno scegliere tra due le tonalità: l’Acid Yellow e il Poison Blue.

Il primo colore è l’Acid Yellow, che si ispira all’esperienza adrenalinica della guida sportiva Abarth, oltre ad essere tradizionalmente associato all’energia creatrice che dona la vita e illumina il futuro. I designer hanno voluto creare una livrea pura e “velenosa” che comunicasse subito la sua indole irriverente e al tempo stesso facesse risaltare la piccola sportiva nell’ambiente urbano. Il risultato finale è un “flash”, quasi una saetta elettrificata, che di certo non passerà inosservato nelle città dove predominano auto “vestite” di colori neutri.

Chiaro tributo alle vetture racing dello Scorpione, basti pensare alla mitica 131 Rally, la livrea Poison Blue proietta il marchio verso la mobilità del futuro, nel pieno rispetto dei propri valori e stilemi. È infatti una nuova sfumatura di blu satura che porta l’esperienza di guida sportiva Abarth nella vita di tutti i giorni. Gli appassionati del marchio saranno affascinati da questo colore che unisce passato e futuro.

Attualmente la Community “The Scorpionship” – alla quale è possibile aderire gratuitamente attraverso il sito abarth.com/scorpionship – conta oltre 160.000 iscritti tra fan e possessori. A livello globale ci sono 93 club ufficiali in 22 Paesi e quattro continenti. Una passione che non conosce limiti, come dimostra la conquista del Guinness World Records alla fine del 2020, in occasione dell’Abarth Digital Day, quando il popolo di Abarth si è radunato sul web dando vita al più grande raduno digitale al mondo.

Nuova Abarth 695 Tributo 131 Rally: 40 anni dopo la leggenda è tornata!

Ritorna sotto nuove vesti e sulle strade di tutto il mondo l’auto che fece sognare un’intera generazione di appassionati: l’Abarth 131 Rally. Nel quarantesimo anniversario dalla sua ultima gara, il marchio dello Scorpione le rende omaggio dedicandole la serie speciale Abarth 695 Tributo 131 Rally che sarà limitata a 695 unità e commercializzata a livello globale.

La nuova versione top di gamma è quindi il tributo alla storia racing di Abarth. Da sempre, infatti, le competizioni fanno parte del suo DNA e, grazie al “transfer” tecnologico, le soluzioni più innovative – testate in pista per incrementare performance e affidabilità – vengono adottate sulle vetture di normale produzione assicurando un’esperienza di guida adrenalinica. Ecco perché la nuova serie speciale Abarth è un autentico concentrato di tecnologia all’insegna dei valori fondanti del marchio: Performance e Stile.

L’Abarth 695 Tributo 131 Rally è equipaggiata con il motore 1.4 T-jet che eroga 180 CV di potenza e una coppia di 250 Nm a 3.000 rpm. La velocità massima è di 225 km/h e l’accelerazione da 0 a 100 km/h avviene in appena 6,7 secondi. È anche dotata di ammortizzatori Koni FSD su entrambi gli assi e di uno specifico impianto frenante che presenta, all’anteriore, pinze Brembo in alluminio a 4 pistoncini e, al posteriore, dischi autoventilati di 305 mm e 240 mm.

La dotazione è completata dai cerchi neri in lega da 17″ con finitura diamantata e dal sistema Record Monza Sovrapposto, l’evoluzione dell’iconico scarico Record Monza con i quattro terminali sovrapposti verticalmente. Di serie anche lo Spoiler ad Assetto Variabile, regolabile in 12 posizioni da 0 a 60° che migliora la stabilità in curva e una maggior reattività nei tratti misti. Ad esempio, con un’inclinazione a 60° e una velocità di 200 km/h, il carico aerodinamico aumenta fino a 42 kg.

L’Abarth 695 Tributo 131 Rally si caratterizza per uno stile unico e ricercato, con precisi richiami alla sua storica antesignana, come l’inedita livrea bicolore tristrato “Blue Rally” lucido, che reinterpreta in chiave contemporanea il colore originale. L’Abarth 695 Tributo 131 Rally è la prima vettura dello Scorpione in cui sono presenti gli “Easter Eggs”, piccole “gemme” di stile che i designer nascondono per stupire i clienti, quali la silhouette della 131 Rally incisa sulla parte inferiore della portiera, sulla plancia in Alcantara e sui poggiatesta dei nuovi sedili.

Dedicata esclusivamente alla serie speciale, la livrea è impreziosita da tetto e montanti in color Nero Scorpione. La stessa tonalità di blu si ritrova sulle calotte degli specchietti e su alcuni dettagli interni. Sono disponibili anche le livree monocromatiche “Blue Rally” e “Grigio Record”. All’interno, la caratterizzazione sportiva è confermata dai sedili in tessuto, rigorosamente Sabelt, con inserti e cuciture blu ispirati a quelli della vettura storica, ma rivisti in un’ottica moderna.

Tutto ciò concorre a ricordare la storia leggendaria dell’Abarth 131 Rally che debuttò nel 1976 nel Gruppo 4. Invidiabile il suo palmarès che vanta la partecipazione a sei Campionati del Mondo Rally (dal 1976 al 1981) e la vittoria di 18 Rally internazionali, tre titoli di Campione del Mondo Costruttori (1977, 1978 e 1980) e due titoli Piloti, ovvero una Coppa FIA Piloti con Markku Alén e un Campione del Mondo Piloti con Walter Röhrl.







Lo Scorpione diventa globale: debutta in Brasile la nuova Abarth Pulse

Il marchio dello Scorpione torna sulle strade del Brasile, presentando la nuova Abarth Pulse, il primo SUV dello storico marchio italiano. Dopo la Stilo Abarth nel 2002 e l’iconica Abarth 500 nel 2014, la nuova Abarth Pulse segna una svolta importante nei piani di sviluppo globale del marchio, oltrepassando così i confini europei e asiatici diffondendosi nel mondo, offrendo ai propri appassionati un modello specifico dedicato al Sudamerica. L’Abarth Pulse è infatti la prima vettura Abarth ad essere sviluppata e prodotta interamente in Brasile.

“Il ritorno di Abarth nel mercato dell’America Latina è per noi motivo di grande orgoglio – ha dichiarato Olivier Francois, Amministratore Delegato FIAT & Abarth e Global Chief Marketing Officer di Stellantis -. Le caratteristiche di performance e di stile, che da sempre contraddistinguono Abarth, restano intatte e offriranno ai nostri fan d’oltreoceano una vera esperienza Abarth. L’Abarth Pulse è solo l’inizio e vogliamo continuare a completare la famiglia. Non potremmo essere più felici dello slancio positivo creato in America Latina prima dalla Fiat Pulse e ora dall’Abarth Pulse”.

Il brand ha pianificato una serie di iniziative per consolidare il rapporto con i tanti estimatori d’oltreoceano dello Scorpione, a partire da una piattaforma digitale attraverso la quale scoprire le novità legate al modello e al marchio, fino alla creazione di spazi dedicati nelle concessionarie Fiat del paese, dove i clienti possono conoscere meglio le modalità d’acquisto dei modelli Abarth grazie a venditori specializzati.


Il nuovo suono AVAS di Abarth ruggisce per la comunità dello scorpione

Da sempre la community dello Scorpione è uno dei pilastri del marchio: si tratta di una community in continua crescita con oltre 160.000 Abarthisti nel mondo, che mostra, con grande orgoglio, il proprio affetto per il brand, per la sua storia e per il suo fondatore, condividendone i valori di Stile e Perfomance. È una grande famiglia che partecipa a tutti gli eventi targati Abarth e segue con grande attenzione la nascita dei modelli futuri. Da qui la decisione di chiedere direttamente la loro opinione su come dovrebbero essere.

Si parte oggi con il primo sondaggio online – disponibile sulle pagine ufficiali di Facebook, TikTok ed Instagram – che ispirerà il nuovo sound AVAS di Abarth. L’AVAS (Acoustic Vehicle Alert System) è un avviso acustico per i pedoni che segnala, per motivi di sicurezza, il passaggio di un veicolo a batteria sotto i 20 km/h. Per Abarth anche questo dettaglio, così importante, va oltre la semplice esecuzione tecnica, diventando uno strumento creativo per esprimere il proprio stile distintivo. E come sempre l’approccio del marchio è dirompente, tanto da chiedere ai propri fan la loro opinione. In questo modo, un freddo vincolo normativo e di omologazione si trasforma in un sound riconoscibile dagli appassionati dello Scorpione.

La prima traccia, intitolata “NEXT TRACK” si ispira al connubio tra performance e l’innovazione della Formula E, accompagnando la migliore accelerazione da 0 a 100 km/h ad emissioni zero. Il nome della seconda, “CYBER FUN”, si rivolge ad un pubblico più giovane ed evoca un’esperienza digitale, che deriva direttamente dal mondo dei videogiochi. Infine, il terzo sound proposto, ribelle e performante come il rock, si chiama “ROCK’N ROAR”. Il suono, accentuato da chitarre rock graffianti, rispecchia l’anima più trasgressiva e fuori dagli schemi, insita sia nel genere musicale che nelle vetture dello Scorpione, e al tempo stesso trasmette immediatamente all’utente quelle sensazioni che si potranno provare a bordo di qualunque Abarth. È quindi una promessa di emozioni pure nata agli albori del marchio, mantenuta oggi attraverso i valori di Stile e Performance, e che sarà ribadita nella mobilità del futuro firmata Abarth.

Attualmente la community “The Scorpionship” – alla quale è possibile aderire gratuitamente attraverso il sito abarth.com/scorpionship – conta oltre 160.000 iscritti, tra fan e possessori. In tutto il mondo ci sono attualmente 93 club ufficiali in 22 paesi in 4 continenti. Una passione che non conosce limiti, come dimostra la conquista del Guinness World Records alla fine del 2020, in occasione dell’Abarth Digital Day. Per ottenere la prestigiosa certificazione il popolo di Abarth si è radunato sul web dando vita a uno spettacolare evento online diventato il più grande raduno digitale al mondo: nell’arco di un’ora sono state caricate 868 foto della propria auto sulla pagina Facebook dedicata.

Abarth F595: la “Speciale“ è solo online

Con Abarth ogni modello di produzione riprende gli originali valori, che da oltre 70 anni rispondono a criteri di sportività in declinazione racing, con uno stile dal carattere estroverso. L’emblema dello Scorpione sottolinea la continua ricerca della performance, con quell’esclusivo piacere di guida dalle prestazioni adrenaliniche, che viene certificato dall’inconfondibile sound dello scarico.

La grande community che segue con passione ogni creazione Abarth, considera le edizioni speciali al pari di un gioiello da collezionare e infatti saranno solo 165 gli esemplari a disposizione, tanti quanti i CV del suo motore turbo 1.4 T-jet.

L’edizione F595 “Speciale” diventa ancora più ricca e consistente, come dimostrano esternamente i cerchi in lega da 17″ Formula nero opaco, la vernice metallizzata nel colore Grigio Record, e dettagli in colore giallo per calotte, DAM e pinze freno.

Nell’abitacolo dell’edizione F595 “Speciale”, il clima diventa automatico, il sistema di infotainment si completa con Uconnect 7″ NAV, mentre il Pack Urban (sensori di parcheggio, sensore pioggia e sensore crepuscolare) chiude il cerchio di opzioni da vettura di categoria superiore.

Equipaggiamenti che si aggiungono alla componentistica di alto livello già presente su Abarth F595:

Scarico Record Monza Sovrapposto
Motore da 165 CV
Turbina Garrett
Dischi freno forati
Sospensioni Koni FSD
Interni ‘Total Black’ con fascia plancia nero opaco

Cuore pulsante di questa preziosa edizione, continua ad essere il motore 1.4 T-jet Euro 6D Final da 165 CV, equipaggiato con il turbocompressore maggiorato Garrett con rapporto di compressione geometrico a 9:1. Un mix prestazionale che si traduce nella velocità massima di 218 km/h, ed una ripresa in quinta marcia da 80 a 120 km/h in soli 7,8 secondi. Lo stesso motore da cui è derivato il propulsore delle monoposto Tatuus impegnate nei campionati italiano e tedesco di Formula 4 – “F.4 Championship Powered by Abarth Certified by FIA”. Nella “F” del nome il tributo alla Formula 4 di cui Abarth è fornitore esclusivo dei motori.

L’esperienza di acquisto di Abarth F595 “Speciale” parla il linguaggio contemporaneo degli acquisti on line, con tutte le comodità e le garanzie degli acquisti online. Dal sito web www.abarth.it è sufficiente salvare i propri dati personali, la configurazione del veicolo, e versare una caparra di 500 euro in caso di acquisto senza finanziamento. Il passo successivo, dopo il completamento dell’acquisto, diventa il ritiro della vettura in concessionaria.

Dalla Formula 4 alla strada: nuova Abarth F595

Direttamente dalle piste europee si diffonde il rombo della nuova Abarth F595: la nuova serie speciale equipaggiata con il motore della F4 – dedicata ai più giovani appassionati dello Scorpione. Sotto il cofano ci sono i 165 cavalli del performante 1.4 T-jet Euro 6D Final da cui è derivato il propulsore delle monoposto Tatuus impegnate nei campionati italiano e tedesco di Formula 4 – “F.4 Championship Powered by Abarth Certified by FIA”. Nella “F” del nome il tributo alla Formula 4 di cui Abarth è fornitore esclusivo dei motori oltre che title sponsor. Un format di successo nato come palestra per i giovani piloti, talenti del kart e professionisti di domani, ispirato alla leggendaria “Formula Italia” creata nel 1971 con la stessa filosofia: permettere ai giovani piloti di accedere, con un budget contenuto, al mondo delle monoposto a ruote scoperte.

Prestazioni di assoluto rilievo e affidabilità sono le caratteristiche principali del 1.4 T-jet Euro 6D Final da 165 CV equipaggiato con il turbocompressore maggiorato Garrett con rapporto di compressione geometrico a 9:1. Questa architettura ottimizza, a parità di pressione, la temperatura in camera di combustione e permette di avere la coppia massima di 230 Nm già disponibile a 2.250 Giri/min., mentre la potenza viene erogata nella parte alta del contagiri. Questo porta benefici in termini di velocità massima – 218 km/h – e soprattutto migliora la ripresa: in quinta marcia la nuova Abarth F595 passa da 80 a 120 km/h in 7,8″ secondi. Il propulsore è abbinato al cambio manuale ma, a richiesta, può essere accoppiato al cambio automatico a cinque velocità con paddle al volante. Da qui un’accelerazione 0-100 km/h in 7,3 secondi con il cambio manuale e 7,4 secondi con il cambio automatico sequenziale.

La grintosa Abarth F595 propone l’iconico scarico Record Monza che si evolve in una nuova configurazione con i quattro terminali – due per lato – sovrapposti verticalmente.nIl ruggito è sempre inconfondibile, quello che ha accompagnato generazioni di Abarthisti ed è sempre stato sinonimo di potenza e di performance. La valvola di scarico attiva è controllata tramite il tasto “scorpion” posizionato sulla plancia. Questo consente al pilota di scegliere, semplicemente con un dito, tra un sound da “gentleman driver” e un rombo più cupo e grintoso, tradizionalmente Abarth. Il risultato è pura musica, un suono potente e aggressivo, grazie alla perfetta combinazione tra tecnologia e design.

La nuova Abarth F595 si presenta impreziosita da nuovi dettagli Blu Rally, quali le calotte degli specchietti retrovisori e il DAM anteriore e posteriore. Il look sportivo è ulteriormente esaltato dai cerchi in lega da 17″ Sport nero opaco, dal badge identificativo “F595” sul posteriore e dai fari fendinebbia di serie. La stessa grinta si ritrova all’interno: il volante in pelle e i sedili sportivi Abarth accuratamente rifiniti – a richiesta i Sabelt in pura chiave racing – impreziosiscono un ambiente decisamente sportivo completato da alcuni dettagli in nero come la nuova cornice dell’infotainment e la nuova plancia in nero opaco. I nuovi dettagli blu rally saranno disponibili in abbinamento ai seguenti colori: Bianco Gara, Grigio Campovolo, Grigio Pista, Nero Scorpione, Grigio Record e Grigio Asfalto.

Sulla nuova F595 sono di serie tutte le dotazioni tecniche necessarie a garantire il divertimento e il piacere di guida tipico delle vetture dello Scorpione. Le sospensioni posteriori sono Koni, con tecnologia FSD (Frequency Selective Damping), che migliorano la performance garantendo una perfetta tenuta di strada e migliorando allo stesso tempo la maneggevolezza e la stabilità, il tutto in totale sicurezza. Con il selettore “Scorpion mode” sulla plancia s’interviene sull’erogazione della coppia massima, sulla taratura del servosterzo e sulla risposta del motore al pedale dell’acceleratore rendendoli più reattivi. L’impianto frenante è specifico Abarth e offre ottima risposta e grande sicurezza, si compone di dischi anteriori ventilati da 284 mm e posteriori da 240 mm. Infine, rivolgendosi ai più giovani amanti della tecnologia, non poteva mancare il meglio della connettività: la F595 è dotata di sistema Uconnect 7″ HD con radio DAB e, di serie, la predisposizione Apple CarPlay e compatibilità Android Auto.



 

Nuova Abarth 695 Esseesse: massimi livelli per la nuova “Collectors’ Edition”

Il marchio dello Scorpione torna a far battere il cuore degli Abarthisti con una nuova “Collectors’ Edition”: l’Abarth 695 Esseesse, il cui nome affonda le proprie radici nella storia del marchio e rinvia direttamente ai suoi albori, quando i kit di trasformazione degli anni Sessanta fecero la fortuna di Carlo Abarth, consacrandolo come l’inventore dell’elaborazione per le vetture di mass production. Prodotta in tiratura limitata in soli 1390 esemplari, suddivisi in 695 unità “Scorpion Black” e altrettante 695 nel colore “Grigio Campovolo”, l’Abarth 695 Esseesse è la nuova edizione da collezione dedicata a chi desidera al contempo esclusività, performance ai massimi livelli e anima racing.

Nel crearla il team di ingegneri e designer Abarth si è ispirato al modello del 1964, ovvero a quel “cinquino” elaborato 695 Esseesse con una cilindrata aumentata a 690 cm³ e 38 CV che raggiungeva i 140 km/h, pensato per un uso quotidiano, sfruttabile come una city car sportiva, ma rivolto a chi era alla ricerca della massima performance sulle strade di tutti i giorni e prodotto in sole mille unità. Inoltre, sulla “piccola cattiva” dello Scorpione risaltavano le sigle distintive con il monogramma “SS “in lettere maiuscole sul cofano e per esteso in minuscolo, “esseesse”, sul cruscotto. E fu subito un successo per gli amanti della sportività italiana.

Nel disegnare la nuova Abarth 695 Esseesse l’obiettivo era migliorare ulteriormente le prestazioni in termini di accelerazione e handling. La ricerca si è dunque spinta verso la riduzione dei pesi, il differente bilanciamento e la cura aerodinamica. Il nuovo cofano in alluminio con doppia gobba, oltre a caratterizzare la nuova 695 Esseesse dal punto di vista estetico, riduce il peso del 25% rispetto ad un cofano normale, e unito all’adozione dello scarico Akrapovic e ad altri interventi mirati, ha ridotto il peso complessivo della macchina di 10 kg rispetto ad una Abarth 595 Competizione. A questo elemento distintivo si unisce nel posteriore lo Spoiler ad Assetto Variabile. Tutti elementi che, oltre a caratterizzarne lo stile, hanno migliorato le prestazioni, ad esempio: nel quarto di miglio (400 mt) la 695 Esseesse riesce a bruciare il traguardo impiegando un decimo di secondo in meno rispetto alla versione Competizione.

Disponibile nella sola versione hatchback, la nuova Abarth 695 Esseesse colpisce subito per il nuovo cofano in alluminio e per lo spoiler posteriore che richiama il mondo delle corse e la leggendaria storia racing dello Scorpione. Lo Spoiler ad Assetto Variabile, regolabile da 0 a 60° permette – in posizione di massima inclinazione (60°) e a una velocità di 200 km/h – di aumentare il carico aerodinamico fino a 42 kg, portando a un miglioramento della stabilità in curva e una maggior reattività nei tratti misti. E questo, in abbinamento al cofano in alluminio, si traduce in minor peso, migliori prestazioni in curva e miglioramento della performance in accelerazione. In sintesi, la nuova Abarth 695 Essesse “Collector’s Edition” è la più veloce della gamma. La caratterizzazione estetica degli esterni prosegue con una serie di elementi ispirati al passato e al presente che rendono la 695 Esseesse decisamente esclusiva, come i dettagli bianchi dei Dam anteriore e posteriore, delle calotte specchi e degli sticker laterali. Bianchi anche i cerchi da 17 pollici con coprimozzo rosso, pinze Brembo rosse, logo 695 sulla fiancata e badge 695 Esseesse sul posteriore. Da notare i due terminali di scarico Akrapovic in titanio, capaci di regalare pure emozioni sonore sia in strada sia in pista, per un divertimento e un piacere di guida unici.

Un piccolo gioiello di materiali e cura artigianale. Anche negli interni la nuova Abarth 695 Esseesse mostra il suo lato esclusivo: i sedili hanno la scritta “one of 695” sul poggiatesta. Si tratta di una grande novità, in quanto per la prima volta sulla nuova 695 Esseesse Collectors’ Edition i sedili sono numerati. Ad ognuno dei due body color della vettura infatti, corrisponde un sedile Sabelt con la cucitura nella stessa nuance della carrozzeria. Da notare la cintura di sicurezza di colore rosso e il guscio posteriore di colore bianco. La personalizzazione prosegue anche sulla fascia plancia in Alcantara, dove spicca, in basso a destra, una laseratura con la scritta 695 Esseesse. E per enfatizzare l’anima racing non potevano mancare gli elementi in carbonio quali il pomello cambio, la pedaliera e gli inserti sul volante.

La nuova 695 Esseesse è equipaggiata con il potente motore 1.4 T-jet che eroga 180 CV di potenza e una coppia di 250 Nm a 3.000 rpm e consente una velocità massima di 225 km/h (con alettone regolato a 0°) e accelerazione da 0 a 100 km/h in appena 6,7 secondi, e brucia i 400 metri con partenza da fermo in 15,1 secondi, per una perfetta sintesi tra performance motoristica e aerodinamicità. Stesso profumo di sportività anche per gli ammortizzatori Koni FSD su entrambi gli assi e per il potente impianto frenante che adotta all’anteriore pinze Brembo rosse in alluminio a 4 pistoncini e dischi autoventilati di 305 mm e di 240 mm al posteriore. Il cambio è manuale, ma su richiesta, è disponibile il cambio sequenziale robotizzato Abarth con palette al volante. Infine, sul fronte della tecnologia e connettività, l’Abarth 695 Esseesse è dotata del sistema di infotainment Uconnect con navigatore, schermo touch screen da 7” con predisposizione Apple CarPlay e compatibilità Android Auto e radio digitale DAB.

Per celebrare la nuova 695 Esseesse Collectors Edition è stato realizzato il secondo atto della campagna di comunicazione, firmata dall’agenzia creativa Independent Ideas, nella quale si conclude il percorso iniziato da Abarth 595 Turismo e 595 Competizione, proponendo uno scenario surreale, fatto di personaggi e location fuori dal comune. La nuova Abarth 695 Esseesse rappresenta così la chiave d’accesso a un mondo “super” esclusivo, caratterizzato da uno stile distintivo ancora più performante, dedicato a chi cerca emozioni straordinarie ogni giorno.




L’Abarth 1000 SP degli anni Sessanta ispira una one-off evocativa

Nella seconda metà degli anni Cinquanta, Alfa Romeo e Abarth collaborarono per realizzare una vettura sportiva di cilindrata contenuta. Il progetto, affidato a Mario Colucci, ingegnere milanese e dipendente Alfa Romeo, si concretizzò nel 1958 con la produzione di un’ Alfa Romeo di derivazione Abarth 1000, una coupè compatta – spinta da un motore realizzato a partire dal quattro cilindri della Giulietta Sprint Veloce, ma ridotto nella cilindrata – e caratterizzata dal telaio a traliccio di tubi. La vettura, “vestita” da una carrozzeria realizzata da Bertone su disegno di Franco Scaglione, resta un esemplare unico.

Al termine di questa collaborazione, Colucci venne assunto come Direttore Tecnico da Carlo Abarth e, nel 1966, gli venne affidato l’ambizioso progetto della Abarth 1000 SP: il nome della vettura indica la cilindrata del motore – derivato da quello della Fiat 600 – e la categoria Sport Prototipo, la tipologia di vetture a ruote coperte realizzate solo per partecipare alle competizioni e costruite in piccola serie. Concepita per eccellere sia nelle brevi corse di salita sia nelle gare di durata, la 1000 SP è caratterizzata da linee semplici, basse e filanti. Leggera e potente, conquistò un’importante serie di vittorie internazionali – prima fra tutte quella ottenuta nella sua classe alla 500 km del Nürburgring, nel settembre 1966 – che contribuirono a consolidare il prestigio sportivo del marchio Abarth. L’ingegner Colucci portava così a compimento la sua concezione di vettura da competizione a telaio tubolare, iniziata qualche anno prima con l’Alfa Romeo Abarth 1000.

Considerata a giusto titolo una pietra miliare nella storia agonistica dell’Abarth, per stile, prestazioni e vittorie conquistate, la 1000 SP continua a ispirare i designer del Centro Stile Fiat e Abarth che immaginano una reinterpretazione contemporanea dell’iconica Sport Prototipo degli anni Sessanta: un’auto sportiva di taglia media, dalla silhouette accattivante e dalle linee essenziali. Quest’idea di vettura, leggera e dall’eccellente rapporto peso/potenza, diventa la base di un progetto realizzato nel 2021, in piena coerenza con l’antesignana: punti e linee del design della vettura originale vengono rispettati per garantire la continuità tra la sportiva degli anni Sessanta e la concept car del nuovo millennio.

Nell’Abarth 1000 SP vengono rispettati tre principi di design fondamentali già nella vettura degli anni Sessanta. Innanzitutto la leggerezza, nelle forme, nei volumi e ovviamente anche nel peso. Il secondo principio è quello dell’aerodinamica: le moderne tecnologie di progettazione hanno permesso di coniugare le iconiche linee della 1000 SP con un coefficiente aerodinamico all’altezza di una sportiva dei tempi moderni. Infine l’ergonomia, finalizzata a migliorare l’esperienza d’uso, assicurando l’ottimizzazione del controllo del mezzo e un’agile guidabilità.

Nell’Abarth 1000 SP riecheggiano linee ed elementi estetici che caratterizzavano la sua progenitrice. Il corpo vettura sinuoso, con le superfici morbide dei parafanghi che evidenziano la posizione delle ruote, riprende lo schema della spider a motore centrale. La vetratura del cockpit è caratterizzata da deflettori laterali sagomati, con il profilo ribassato verso il roll-bar, quest’ultimo rigorosamente “a vista” per sottolineare ulteriormente che siamo davanti a una spider “senza compromessi”.

Le geometrie del posteriore della Abarth 1000 SP sottolineano un’armonia perfetta tra i gruppi ottici e gli scarichi. La livrea è rigorosamente rossa e su tutto il corpo vettura compaiono le caratteristiche prese d’aria, dal cofano anteriore fino agli slot di raffreddamento su quello posteriore. Anche la fanaleria rispetta lo schema minimalista della 1000 SP storica, con proiettori puntiformi sul muso e una sola coppia di fanali rotondi a sottolineare la notevole larghezza dell’auto dalla vista posteriore. L’ Abarth 1000 SP mantiene quindi un’identità del tutto simile all’antesignana. Merito dell’attento lavoro di attualizzazione della Abarth 1000 SP storica che non ha lasciato spazio a compromessi.

Sotto la “pelle”, invece, il telaio tubolare della storica Sport Prototipo lascia il posto a un telaio ibrido, con la cellula centrale in fibra di carbonio e l’avantreno in alluminio. L’ Abarth 1000 SP dispone di un potente motore centrale 4 cilindri sovralimentato in alluminio, da 1742 cc, capace di erogare fino a 240 CV di potenza. La raffinata meccanica della concept vanta sospensioni a triangoli sovrapposti all’anteriore, mentre al posteriore sono presenti sospensioni con schema Macpherson evoluto.

A 55 anni esatti dal debutto della sua progenitrice, l’Abarth 1000 SP, attualmente prodotta in un unico esemplare, è pronta a mettersi di nuovo in mostra e, in autunno, prenderà parte a importanti manifestazioni dedicate alle auto storiche.

L’Abarth 595 vince per la sesta volta consecutiva il concorso “Best Cars” della rivista “Auto Motor und Sport”

Per la sesta volta consecutiva è stato assegnato alla gamma di modelli Abarth 595/695 il titolo di “Best Car” nella categoria Mini Cars/Import. Con il 25,6% dei voti, l’Abarth 595/695 ha vinto davanti ad altri dodici concorrenti. Nella classifica generale della categoria, che includeva anche marchi tedeschi, il modello ha conquistato il secondo posto.

Per la 45esima volta, il concorso “Best Cars” ha chiesto ai lettori di “Auto, Motor und Sport” di indicare le proprie auto preferite tra quelle in commercio sul mercato tedesco. Più di 101.000 lettori hanno espresso il proprio voto, scegliendo tra 387 modelli attualmente sul mercato suddivisi in undici categorie, che includevano ciascuna una classifica dedicata alle auto di importazione.

Dal 1949 Abarth è sinonimo di veicoli ad alte prestazioni che offrono il piacere della guida a una vasta gamma di clienti. Lo spirito della Abarth 595 e della Abarth 695 ha conquistato il cuore di migliaia di appassionati di auto in tutto il mondo. La vittoria del concorso “Best Cars 2021” è un ulteriore conferma del successo internazionale di queste auto piccole e sportive e della passione per il marchio dello Scorpione nel mercato tedesco.

Oggi la gamma Abarth, appena rinnovata, si compone di quattro versioni – 595, Turismo, Competizione ed Esseesse – che propongono nuovi colori, materiali pregiati, nuovi dettagli di stile, tecnologia avanzata e grande personalizzazione, a sottolineare le due anime del marchio Abarth: performance e stile. Tutte le versioni sono accomunati da caratteristiche peculiari che ne sottolineano l’indole sportiva e contribuiscono al miglioramento delle prestazioni. Inoltre, sono equipaggiate dallo stesso propulsore, il potente 1.4 T-jet con diversi livelli di potenza, da 145 a 180 CV, tutti Euro 6D Final, lo stesso da cui sono derivati i motori che equipaggiano le Formula 4 dei Campionati italiano e tedesco.

In dettaglio, la gamma va dalla versione Abarth 595 (145 CV), l’ingresso nel mondo Abarth, alla Abarth 595 Turismo (165 CV), caratterizzata da un allestimento esclusivo con nuovi sedili in pelle disponibili anche nel nuovo colore Helmet Brown; si prosegue con la Abarth 595 Competizione (180 CV), dalla configurazione spiccatamente sportiva esaltata dai i nuovi cerchi in lega da 17” e dal nuovo Blu Rally, un colore opaco ispirato alla Fiat 131 Abarth Rally degli anni Settanta, per arrivare alla Abarth 595 Esseesse (180 CV), il modello senza compromessi. Tutte le varianti dell’auto sono disponibili in versione berlina e cabriolet con capote elettrica.